Il brano di Catullo e la comparatio compendiaria

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Il brano di Catullo e la comparatio compendiaria

Messaggio  Giuseppe Restuccia il Lun Mag 18, 2009 7:47 pm

Si era risolto il dubbio testuale del carme catulliano basandoci su un caso particolare di comp. compendiaria in cui ad essere riassunto è il primo termine di paragone, e suffragando tale tesi con un esempio ciceroniano.
Vorrei addurne un altro a sostegno, o almeno mi sembra simile. Mi affido alla Sua consulenza.
Il passo è tratto da Persio, 1, 18

Patranti fractus ocello stante per cuius oculi fracti sunt tamquam eius, qui coitum patrat.

Che ne pensa?

Giuseppe Restuccia

Messaggi : 3
Data d'iscrizione : 30.03.09

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il brano di Catullo e la comparatio compendiaria

Messaggio  V. Ortoleva il Mar Mag 19, 2009 8:07 pm

Caro Sig. Restuccia,

si tratta di una iunctura acris: le parole sono cioè associate in maniera imprevista (una caratteristica della poesia di Persio). Al limite si può pensare a un'ipallage più che a un caso di comparatio compendiaria. Comunque ho visto che l'espressione ha dato adito a diverse interpretazioni.

Un caro saluto

Vincenzo Ortoleva

V. Ortoleva
Admin

Messaggi : 20
Data d'iscrizione : 13.03.08
Età : 52

Vedi il profilo dell'utente http://www.webalice.it/ortoleva

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum